Genoa-Cagliari 2-0 

Al termine di questa primissima fase della stagione i numeri e il gioco espresso dicono che il Genoa può ben figurare nell’ambito di quello che deve essere il suo campionato, il test con il Cagliari va visto da questa angolazione. 
Durante il 1° tempo i rossoblu con una manovra intensa e avvolgente lavorano ai fianchi un Cagliari ben organizzato in fase difensiva ma non in grado di supportare in fase d’attacco un molto ispirato Foggia. Nella ripresa è il Genoa che continua a fare la partita mettendo letteralmente alle corde gli avversari che capitolano di fronte ad un vero e proprio colpo da ko assestato da un Borriello sempre più sorprendente.
E’ di Di Vaio, entrato a metà ripresa, la rasoiata in diagonale che, giocando di sponda sul paletto lontano, chiude di fatto la partita.
Di contorno gran ritmo e giocate corali da applausi.
Con la nazionale di scena a Marassi sabato prossimo, il campionato si ferma per un turno, il buon Gasperini, bravo a fare quadrato intorno alla squadra quando le difficoltà iniziali iniziavano a deprimere l’ambiente, avrà ora il non facile compito di curare la piazza dalle vertigini provocate dai numeri di una sorprendente classifica.
(Il Donde) 

Guarda il servizio sulla partita 

  

Torino-Sampdoria 1-0 

La cosa più difficile è rimanere coerenti con quanto si scrive, nella speranza che i fatti non ti smentiscano troppo smaccatamente.
Dicevamo la settimana scorsa dell’attacco ritrovato, oggi ci troviamo quasi costretti ad allontanare la presunta incompatibilità tra Montella e Cassano. Un attacco fino ad oggi povero di gol non può permettersi una staffetta tra i due, Mazzarri dovrà approfittare della sosta per trovare una soluzione, Cassano sembra pronto a giocare i novanta minuti, un centrocampo molto più coperto potrebbe essere la chiave della questione.
Al di là di questo si tratta dell’ennesima occasione persa, decisa più dall’espulsione di Volpi che dal  gol di Corini, con una Samp apparsa a tratti superiore al Toro ma molto sfigata.
Il Torino trova il gol quasi allo scadere più per disperazione che per il gioco, il Doria non la mette dentro ed ha solo da recriminare.
La sosta capita a fagiolo, da qui a fine anno sarà importante capire se questa squadra ha ancora bisogno di rinforzi o è solo una questione di tempo. 
Il tam tam degli esperti locali vorrebbe almeno un’ala vecchia maniera.
(Ruben)

  

Guarda il servizio sulla partita

Annunci