ottobre 2007


Qualcuno diceva che i numeri senza poesia non hanno anima, si dovrebbe aggiungere che i numeri senza poesia spesso si trasformano in multe.
E’ quello che ormai da tempo si va confermando in tutta Italia: le entrate da contravvenzioni stradali valgono più dell’ICI.


Per questo motivo non sorprende la notizia di oggi secondo la quale il Comune nel 2006 ha messo a bilancio un’entrata di 31.349.497 euro in contravvenzioni.
D’altronde un recente articolo di Economy ne ha già parlato ampiamente, piazzando Genova in una posizione di metà classifica tra le città più esose.

(altro…)

Sulla necessità di avere un sindaco normale

Il verbo è esternare, lo sport è quello della politica annunciata e filtrata dai media.
Anche noi non ci siamo sottratti, d’altronde Silvio ha fatto scuola anche sulla sponda sinistra genovese.
La Sindaco Vincenzi è una pioniera del genere, fin dai tempi in cui era Presidente della Provincia la sua voglia di affermare sé stessa ed il suo ente, già all’epoca giudicato inutile, non poteva che tradursi in una certa sovraesposizione.
Non a caso la SuperMarta è nata proprio in quel periodo.
 

(altro…)

Capitando per caso qui la serata davanti al PC si è fatta interessante.

Una segnalazione per quanti non ne hanno abbastanza di attraversare il traffico con le cuffiette e oltre a sorbirsi le divagazioni simil-musicali di questa categoria, non hanno niente di meglio da fare che ascoltarsi questa playlist su Zero10 Reloaded.

Marco Paolini ci ha abituato ai suoi racconti viscerali, fin dai tempi di Vajont o del “popolo de I-TIGI” non ha mai mancato di marcare il nostro territorio.
E’ sensazionale come ogni suo racconto acquisti sempre una valenza concreta per la sua capacità di delineare la realtà con crudezza fotografica e spietata.
Il viaggio di Bestiario Italiano è uno di questi racconti, un lungo susseguirsi di storie dal Veneto al Sud, passando per posti di mare Trieste, Palermo e Genova.

Questo l’accenno alla nostra città

Per la cronaca martedì 30/10 su La7 alle 21.30 Marco Paolini presenterà lo spettacolo il Sergente.

Guarda la speciale su Marco Paolini dal sito di La7

Genoa-Fiorentina 0-0 

La differenza tra uno dei tanti 0-0 noiosi e a volte squallidi del ns campionato e la partita di ieri sera non si coglie contando le occasioni da gol propiziate, in sostanza solo 2 per parte, ma nella mentalità, accompagnata ad un buon tasso tecnico, superiore a ns avviso quello dei viola, che le due squadre mostrano ogniqualvolta entrano in possesso di palla.
Si tratti del difensore che recupera la palla al limite della propria area oppure del fantasista sulla 3/4 avversaria, in entrambi i casi è evidente la volontà di costruire un azione offensiva e creare situazioni di pericolosità per gli avversari.
Si farebbe comunque un torto ai 2 bravi tecnici se dimenticassimo il lavoro tattico che sta dietro questa prestazione contraddistinta da un equilibrio di rara intensità molto apprezzato dal pubblico.
Da brividi infine la standing ovation dei tifosi all’ingresso in campo di Figueroa, un riconoscimento ad un atleta che sul campo per il momento al Genoa ha regalato solo una rete in un’amichevole giocata in Svizzera qualche mese fa, ma che ha dimostrato una gran voglia di essere protagonista lavorando a lungo nell’ombra per uscire dal suo infinito calvario.
(Il Donde) 

Guarda il servizio sulla partita

Catania-Sampdoria 2-0 

Il principale problema delle Sampdoria è quella di vivere con scarsa attenzione alla realtà. Sembra quasi che il carattere della squadra e la conseguenti prestazioni dipendano settimanalmente dalle condizioni ambientali, non dal lavoro e dalla convinzione maturata giornalmente.
Ci sono sicuramente delle attenuanti, non si può certo dire che i blucerchiati siano stati accolti benevolmente a Catania, ma non si spiega come la Samp in trasferta abbia finora collezionato solo magre prestazioni (e sconfitte).
Senza fare psicologia spicciola tutto sembra dipendere dal fatto che la squadra non ha coscienza dei propri mezzi quindi si alternano buone prestazioni casalinghe, dove il carattere è supportato dal pubblico, e disastri in trasferta, dove il piglio “soffice” da squadra da metà classifica deve assolutamente lasciare spazio alla fame di punti.
E’ assolutamente necessario che Mazzarri si concentri su questo aspetto, forse pensare alla salvezza potrebbe essere un buon inizio.
Poi, se volessimo trovare un esempio che ne dite del Catania di Baldini?
(Ruben) 

Guarda il servizio sulla partita

Se anche il Codacons ti frega col call center
Al Jazeera scopre le grette
I premi IgNobel al Festival della Scienza
Degrado alla Diga di  Begato
Riapre la Madeleine
G8 Un Caso di Buona Giustizia – Il commento di Lucia Annunziata sulle richieste dei PM al processo sui fatti di Genova
Quanto costa un funerale
Metti un valico in Finanziaria
Record di traffico a settembre per il porto di Genova
I Consiglieri Comunali chiedono l’aumento di stipendio
La nave portacontainers più grossa del mondo attracca per finta al Vte

Per tutti gli appassionati di scienza ed anche per i semplici curiosi.
Il Festival della Scienza (25 ottobre – 6 novembre) alla quinta edizione, è ormai una delle manifestazioni europee più importanti nella divulgazione scientifica.

Anche quest’anno un programma importante con l’inedita incursione nella blogosfera grazie all’ area blog allestita nella Loggia della Mercanzia in Piazza Banchi.

Il Sito del Festival
Il Blog del Festival

Pagina successiva »