Una profezia, un presentimento, un salasso prevedibile. Sembrava una battuta, ma con l’inizio del nuovo anno (quello che comincia a settembre col ripopolamento della città dopo le ferie) AMT si è scatenata.
Avevamo infatti scritto, con un sottile pessimismo, che il primo incontro tra motociclisti e Comune avrebbe potuto diventare un esercizio inutile di buone intenzioni:

Un recente incontro tra Comune e Associazioni di Categoria ha lasciato intravedere un primo spiraglio di dialogo; il nuovo assessore alla mobilità Pissarello, anch’egli motociclista, si dimostra almeno a parole più possibilista per una soluzione condivisa sulle corsie gialle, [..]
Il rischio però é d’aver fatto i conti senza l’oste. AMT infatti tace, aspettando l’avvio dell’orario invernale con l’apertura delle scuole ed il definitivo rientro dalle ferie.
Non credo tuttavia ci possa essere un cambio di direzione dell’azienda.

Come Volevasi Dimostrare.

 

La vicenda ha ormai tutti i connotati della beffa.
Non tanto perché le multe erano inattese, da troppo tempo si parlava del divieto, quanto perché, come afferma giustamente Andrea Castanini oggi sul Secolo, pur avendo annunciato un’iniziale linea morbida AMT ha inviato in blocco le multe dopo aver fatto arrivare ai cittadini messaggi non chiari.
Sembra (anzi tutti ne sono certi) la prevedibile attuazione di una decisione già presa fin dall’inizio, alla faccia delle dichiarazioni dell’AD Hubert Guyot:

“ Abbiamo iniziato a mandare la multa a chi è passato attraverso i corridoi preferenziali dei bus durante le ore di punta. Ci sono poi i casi in cui la stessa auto o lo stesso motorino è passato per trenta-quaranta volte all’interno delle corsie vietate. In questi casi abbiamo deciso di inviare una multa soltanto, accompagnata da un avviso che chiede agli “assidui frequentatori” di porre maggiore attenzione”. (24/5/07)  

La delusione stà tutta nella presa per il culo, nel fatto che forse sarebbe stato meglio non leggere i giornali e cambiare strada.

 – – – – 

Un po’ di numeri

189.200  contravvenzioni elevate fino ad oggi in Via Tolemaide e Via Archimede
70 euro la contravvenzione
13.244.00 euro Totale Probabile derivante dalle contravvenzioni

Leggi l’articolo del Secolo XIX

Annunci