Difficile dire se queste elezioni hanno cambiato il volto politico della città,
la vittoria risicata del centrosinistra sembra però aver già innescato una maggiore attenzione delle parti in causa alle questioni sul tavolo.
Al di là dei patteggiamenti partitici, largamente contestati dall’opposizione ma purtroppo insiti nella natura stessa della prassi politica sia essa di destra o di sinistra, la definizione della giunta in appena sette giorni dalle elezioni non può che essere interpretata come un primo segnale positivo per la città.

Questa giunta “veloce” fortemente voluta da Marta Vincenzi sembra sottointendere infatti una prima chiara intenzione: se proprio si vorrà dare una definizione a questa nuova amministrazione la si dovrà definire laboriosa, non tipicamente politica.
Purtroppo la distanza tra i buoni propositi e la realtà è spesso abissale, e si dovrà attendere per poter dare un giudizio definitivo a questa nuova amministrazione.
Tuttavia le scelte a sorpresa delle consulenze di Piano e Freccero sembrano porre buone basi, sempreché non si finisca a litigare come in un pollaio.

Dalla parte opposta la campagna elettorale di Enrico Musso ne ha sottolineato la valenza civica, in quanto risorsa della città. E’ sperabile che a fianco di questa nuova figura (così atipica e così poco di destra) possa maturare un opposizione pronta a dare finalmente risposte alternative ai problemi di Genova, non semplicemente volta a limitare i danni.
La classe politica genovese in questi anni non ha dato grande prova di sé, forse lo scatto in avanti tanto auspicato nei palazzi romani può cominciare dalle periferie.
La Vincenzi e Musso  potrebbero provarci.

Ecco la nuova giunta comunale:

Marta Vincenzi (Ds)
sindaco, con delega a Urbanistica e Cultura.
Paolo Pissarello (indipendente
)
vice sindaco, con delega a Mobilità sostenibile e Porto.
Bruno Pastorino
(Prc)
Politiche della casa
Massimiliano Morettini
(Ds)
Giovani e Città educativa
Alfonso Pittaluga
(Ds)
Riordino della società partecipata e Città digitale
Roberta Papi
(Ds)
Politiche sociosanitarie
Roberta Morgano (Ds)
Piano straordinario della manutenzione, Verde e Città del mare
Gianfranco Tiezzi (Margherita)
Politiche per lo sviluppo dell’industria, del commercio, dell’artigianato e del turismo
Francesco Scidone (Italia dei Valori)
Città sicura, Riordino della vigilanza urbana, Patto per la sicurezza
Francesca Balzani (indipendente)
Bilancio, Politiche abitative, Riordino di gare e appalti
Paolo Veardo (Margherita)
Infanzia, Scuola e Servizi demografici
Mario Margini (Ds)
Politiche per il lavoro e Lavori pubblici
Carlo Senesi (Comunisti italiani)
Città sostenibile, Energia e Ciclo dei rifiuti
Anna Zerega (Verdi)
Pari opportunità, Agenda 21, Tempi delle città e Animali
Paolo Striano (Margherita)
Sport e Progetto forti
Consulenti esterni

Renzo Piano
coordinamento del piano urbanistico
Carlo Freccero
iniziative culturali
Maurizio Maresca
coordinamento della riforma dei servizi di interesse generale

Annunci