Via Sottoripa 27r

 

La morale è sempre quella: un buon panino imbottito a pranzo è sempre meglio dell’insalatona salutista spesso carissima.
All’interno macinano libretti come ad una catena di montaggio, gli ingredienti da mischiare a scelta sono più di 150 e le varianti a volerci perdere del tempo sono infinite.

Al di là del fascino turistico –  è consigliabile un passaggio se siete di fuori Genova – è interessante ritornarci a ritmi regolari, non solo per degustare il panino Giubbe Rosse, ma anche per controllare lo stato di salute del gestore.
Molti esperti si sono dilungati infatti sulle conseguenze del troppo lavoro, il ragazzo in questione ne è l’emblema fisico, la conferma definitiva che il commercio in dosi abbondanti è talvolta più duro del lavoro in miniera.
Molti tra gli avventori ne sottolineano giorno dopo giorno la stanchezza, la verve sempre più sfumata, la progressiva decadenza di quel far di conto al limite dell’autismo.
Il Gran Ristoro resta comunque al suo posto, inossidabile e velocissimo, forse il più economico in città.

Se proprio la coda è infinita a pochi metri c’è il Bar Colombo, sorta di pesce pulitore, perfetto clone del suddetto.  

Si consiglia la Camilla Tartufata, Il Misto Piccante o l’arrosto al basilico, per i palati più delicati ogni salume vale la pena un assaggio. 

Voto:  8

Annunci