La musica rock vive ancora oggi di chitarrismi, magari alternativi, ruvidi e sgembi ma pur sempre ripetitivi.
La differenza tra un chitarrista e l’altro stà nell’attitudine al pezzo, nel tocco qualitativo, nel gusto dell’assist. Per altri invece il chitarrismo è ancora tecnicismo esasperato vagamente onanista, musica da autogrill.

Lo stile di John Mayer si mantiene invece audacemente sul limite, rimane in bilico tra la tecnica e il cuore. Solo la voce tradisce il colore della sua pelle.
Il suo è quello che si chiama un sano vecchio blues reinterpretato in chiave moderna, che spesso sconfina in un rock solido ma non troppo aggressivo.
Un rock da autostrada, se può avere un senso chiamarlo così guidando sulla A7 verso la Valbrevenna.

Ascolta John Mayer su Myspace

Annunci